www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali

SUSSEX SPANIEL


Paese d’origine: Gran Bretagna

Classificazione F.C.I.: Gruppo 7 – cani da ferma

Cenni storici ed origini della razza: la razza è stata creata verso la metà del XIX secolo. Pare sia nato dall’incrocio tra un “Setter inglese” ed un “Collie”. Secondo vari autori parteciparono alla formazione della razza anche il “Setter irlandese” ed il “Bloodhound” o “Chien di Saint-Ubert”. Forme vi è anche del sangue di “Pointer”. Il suo nome deriva da quello dei duchi di Richmond-Gordon, i quali crearono la razza.

Aspetto generale della razza: cane da ferma britannico di media taglia. Questo setter è molto più massiccio e pesante del “Setter inglese”. Questo non deve assolutamente ricordare il “Setter inglese” nella costruzione generale. È costruito per il galoppo e la sua struttura deve ricordare il cavallo da caccia (Hunter).

Carattere e cure: rispetto al suo omonimo inglese è leggermente più tranquillo. È un cane da ferma generico. Sul lavoro è meno veloce e la sua ferma è meno estesa rispetto agli altri Setter. Può essere anche un eccellente cane da compagnia. Ha un superbo olfatto e una certa attitudine al ruolo di cane da guardia. Piuttosto diffidente con gli estranei. Razza che non ha particolari problemi. In questa razza si riscontra a volte un la di displasia all’anca, perciò si consiglia di far controllare i riproduttori. Può vivere sia in casa che in  giardino.

Standard:

Altezza: maschi tra i 58 ed i 64 cm

              femmine tra i 56 ed i 62 cm.

Tronco: massiccio, sta nel quadrato.

Testa e muso: piuttosto voluminosa, mai leggera, con assi cranio-facciali paralleli, muso quadrato, stop molto marcato.

Tartufo: di colore nero.

Denti: dentatura corretta e completa. Articolazione a forbice.

Collo: ben eretto e ben inserito tra le spalle.

Orecchie: pendenti, di forma triangolare.

Occhi: sono grandi, dolci, scuri.

Arti: sono lunghi, muscolosi, bene in appiombo.

Spalla: di giusta inclinazione.

Andatura: la sua andatura ideale è il galoppo.

Coda: inserita alta, è portata orizzontalmente.

Pelo: lungo 5-6 cm, setoso, leggermente ondulato, con ricche frange non troppo folte.

Colori ammessi: nero antracite, con focature rosso castano vivo alle sopracciglia, ai lati del muso, alla gola, al petto, agli arti, ai piedi e intorno all’ano.

Difetti più ricorrenti: prognatismo, enognatismo, misure fuori standard, occhio nero, orecchie portate mela, muscolatura insufficiente, andatura scorretta, tartufo depigmentato, dentatura difettosa, retrotreno difettoso, pelo troppo lungo, pelo ondulato, monorchidismo, criptorchidismo, arti non diritti, carattere aggressivo o timido, colori del manto non ammessi dallo standard.
Sussex Spaniel

Paese d’origine: Gran Bretagna

Classificazione F.C.I.: Gruppo 8 – cani da cerca

Cenni storici ed origini della razza: questa razza è originaria della regione del Sussex, da cui prende il nome. Fu creata nel XIX secolo. Il suo riconoscimento ufficiale risale al 1885. Razza non molto diffusa tra i cacciatori, perché al tramonto il suo pelo color fegato dorato, si confonde con i colori del bosco e degli altri animali; questo mimetismo aumenta molto il rischio di colpirlo per errore.

Aspetto generale della razza: cane massiccio, con costruzione solida. Cane molto attivo ed energico. Un delle caratteristiche fondamentali di questa razza è il particolare movimento, molto raccolto, diverso da quello di tutti gli altri Spaniel.

Carattere e cure: quando non è in attività, è un cane mite; diventa molto grintoso e molto energico quando lavora. Grande abbaiatore. Cane adatto alla cerca e anche al riporto di piccoli animali selvatici. Viene molto apprezzato anche come razza da compagnia. Non necessita di particolari attenzioni tranne che per il pelo che va mantenuto pulito.

Standard:

Altezza: altezza ideale: 38-41 cm al garrese.

Tronco: forte e ben proporzionato.

Testa e muso: muso piano, cranio largo e rotondeggiante. Stop abbastanza accentuato.

Tartufo: marrone.

Denti: la dentatura deve presentarsi completa e corretta. Denti bianchi.

Collo: robusto.

Occhi: sono di color nocciola, piuttosto grandi, non prominenti, con espressione dolce.

Orecchie: sono spesse, piuttosto grandi, a forma di lobo; hanno attaccatura moderatamente bassa e aderenti alla testa.

Arti: diritti e piuttosto robusti; perfettamente in appiombo e con eccellente muscolatura, specialmente negli arti posteriori.

Coda: attaccata bassa. Dotata di movimenti vivi. Non è mai portata più in alto della linea dorsale. Può essere accorciata a una lunghezza di 12,75-17,75 cm.

Pelo: abbondante e piatto. Sottopelo molto fitto. Ci sono frange moderate sia sugli arti anteriori, sia in quelli posteriori. Coda senza frange, ma con pelo denso.

Colori ammessi: color fegato dorato intenso, particolarmente all’estremità degli arti. Il marrone scuro o il color pulce non sono desiderabili.

Difetti: ogni deviazione di quanto sopra indicato rappresenta difetto.

A cura di Federico Vinattieri




A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
cani da pastore e bovari
cani gruppo 1
cani pinscher, schnauzer, molossidi e bovari svizzeri
cani gruppo 2
cani terrier
cani gruppo 3
cani bassotti
cani gruppo 4
cani tipo spitz e tipo primitivo
cani gruppo 5
segugi e per pista di sangue
cani gruppo 6
cani da ferma
cani gruppo 7
cani da riporto, da cerca, da acqua
cani gruppo 8
cani da compagnia
cani gruppo 9
cani levrieri
cani gruppo 10
Notizia stampata il 19 Nov 2018 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali