www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali

Devon Rex

Devon rex

Origine e Storia

l primo Devon Rex nacque nel 1960 da una gattina domestica di proprietà della signora Beryl Cox nel Devon (Stati Uniti). Kirlee, questo il nome dato al micetto, era tutto nero, con il pelo arricciato e delle grandi orecchie. Il padre era probabilmente un gatto un po' strano che si aggirava nelle miniere
di rame vicino all'abitazione. In quel periodo il Cornish Rex era già conosciuto e incominciavano i primi successi nella selezione della sua razza. La signora Cox contattò uno degli allevatori di Cornish più conosciuti: Brian Stirling Webb il quale, entusiasta di avere un altro gatto con cui proseguire i suoi studi, si fece mandare Kirlee.Venne fatto accoppiare con diverse gatte Cornish (9), ma nacquero soltanto 29 cuccioli con pelo normale. Si capì quindi che i geni recessivi che causavano il pelo arricciato nel Cornish Rex e in Kirlee non erano uguali. I geni vennero quindi differenziati: se il gene del Cornish si chiamava Rex I, quello di Kirlee venne chiamato Rex II. Le due razze vennero così distinte e allevate separatamente. Una delle gattine nate col pelo normale, chiamata Broughton Golden Rain venne fatta accoppiare con Kirlee. Nacquero due gattini col pelo normale ed una femmina blue-cream col pelo arricciato come Kirlee. Questi primi cuccioli diedero inizio all’allevamento del Devon Rex. Nel 1967 in Inghilterra si ha il riconoscimento della distinzione tra le due razze: il Devon Rex e il Cornish Rex. Il CFA riconobbe il Devon come razza a parte solo nel 1979 permettendone il campionato a partire dal 1983. Qualche notizia in più circa le razze Devon e Cornish: il Cornish e il Devon sono quelle più famose e conosciute, ma è bene sapere che esistono molte altre razze di gatti che presentano analoghe anomalie di struttura e tessitura del mantello: l’Oregon, il German, il Selkirk, il Dutch, razze diverse tra loro dal punto di vista morfologico e genetico, ma con in comune il suffisso Rex, per sottolineare le anomalie del mantello (pelo). Il gene responsabile del mantello del Devon Rex è un gene recessivo definito "re" che permette la contemporanea presenza dei tre tipi di pelo (di protezione, intermedio e sottopelo), ma modificati e arricciati al punto che ne risulta una pelliccia corta, di tessitura fine e ondulata. Sia il gene responsabile del mantello del Devon che quello del Cornish sono recessivi tra loro, e sono collocati in diverse posizioni sul cromosoma al punto che, incrociandoli, nascono gattini con il mantello normale.

Caratteristiche fisiche e generali


L’aspetto del Devon Rex è tutt’altro che comune. E’ inusuale, strano e grottesco! Il pelo è corto e riccio, soffice come il velluto. Molti pensano che il Devon Rex “non abbia il pelo”. Questo non è assolutamente vero!!! Un Devon Rex adulto ha un pelo molto folto, riccio e soffice ed è più ruvido di quello del Cornish Rex (per questo il Cornish è più adatto a chi soffre di allergie e a chi detesta i peli sugli abiti e in casa!). Soltanto i cuccioli nascono nudi e fino ai tre mesi di età non hanno molto pelo, il mantello si infoltisce e si completa, però, intorno all’anno di età. I cuccioli hanno molto bisogno,nei primi mesi,di attenzioni e di affetto. Devono rimanere con la madre almeno tre mesi ed essere ceduti al nuovo proprietario a ciclo vaccinale completo. Al contatto, il corpo del Devon Rex è più caldo di un gatto comune e trasmette immediatamente una sensazione molto particolare e piacevole. La testa è piccola, con le orecchie enormi e piazzate molto basse sulla testa, gli occhi grandi e ovali con un’espressione molto intensa. Il musino corto, con gli zigomi larghi e un forte stop (= il cambio di direzione del naso al congiungimento con la fronte). Ha il mento forte, due bei portabaffi, il collo lungo ed esile come quello di una tartaruga. Tutto pieno di rughette così come lo è la testolina in mezzo alle orecchie. E quei baffetti arricciati, corti o quasi assenti a volte…L’aspetto è quello di un piccolo delizioso alieno! Non c’è da stupirsi che Steven Spielberg abbia tratto ispirazione da un Devon Rex americano per il suo ET! Il corpo del Devon Rex è minuto ma la taglia è media (fino a 4 Kg il maschio e 3,5 la femmina), con i piedini tondi e la coda lunga. Il pelo deve coprire tutto il corpo e formare delle belle onde di pelo soffice. Nel complesso sicuramente l’aspetto non è quello di un gatto comune, anzi! Quello che più colpisce sono le orecchie enormi, la tipica “gobba” che la schiena del Devon assume quando è seduto e il suo aspetto da piccolo essere strano e delicato (cosa che in realtà non è assolutamente). Ha una vita media di 15 anni. Mangia cibo per gatti sia secco che umido. Nella scelta del cibo secco scegliere un prodotto povero di magnesio. Gradisce molto la carne,ma la sua alimentazione deve comprendere anche riso e verdure.

 

Carattere e comportamento

Il carattere è ancora più strano dell’aspetto, ed è anche ciò di cui i proprietari si innamorano senza possibilità di scampo ! Dolci, affettuosi e intelligenti, amano la compagnia del padrone e soffrono se lasciati soli. ll Devon Rex è un eterno bambino, sempre voglioso di coccole e di gioco. Sono queste, infatti, le sue due attività preferite, ed entrambe richiedono la presenza di un essere umano e, nel caso in cui questa non fosse disponibile appunto per ragioni…umane (lavoro, ecc.), la terza attività preferita del Devon Rex diventa quella di infastidire il compagno umano, cosa in cui è abile maestro! La maggior parte dei Devon Rex hanno un continuo bisogno di contatti umani. Non possono farne a meno e per questo è un gatto assolutamente inadatto a vivere da solo senza quantomeno la compagnia di un altro gatto, nel caso in cui non siate a casa buona parte della giornata. Ci tiene ad essere parte integrante della famiglia e non accetta di essere escluso da niente. La notte dorme rigorosamente sul letto, ancora meglio se sotto le coperte acciambellato addosso al suo compagno umano. Se le coccole elargite non sono considerate sufficienti nell’arco della giornata…aspettatevi di essere svegliati nell’arco della notte da una palla di soffice pelo che fa fusa e che infila la testa sotto la vostra mano. Curiosi, vengono attratti da ogni cosa nuova che entra in casa (sacchetti della spesa e anche ospiti). Possono essere portati anche al guinzaglio. E' decisamente casalingo e abitudinario. Adatto alla vita d'appartamento. E' socievole con i suoi simili. Sono gatti ‘diversi’, nel senso che hanno perso un po’ della loro felinità, sono uomo-dipendenti e per questo ricercatissimi, molto amati e coccolati. Amano la compagnia, vivere in mezzo alla gente, adorano giocare con i bambini, accovacciarsi in grembo, al caldo, sicuri e tranquilli e sempre in cerca di una mano dolce e carezzevole. E’ facile trovarli rannicchiati sotto le coperte, acciambellati negli angoli più caldi della casa. Questa ricerca del calore fisico è dovuto al fatto che la loro temperatura interna è più alta rispetto a quella degli altri gatti per compensare la maggiore dispersione di calore causata da un mantello così particolare. Si addice a chi passa molto tempo in casa ed ha voglia di viziarlo e coccolarlo.

A cura di Eliana Turrisi


Notizia stampata il 19 Nov 2017 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali