www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali

Budjonny



Origine e storia: Questo cavallo è il risultato di un movimento che ebbe inizio in Unione Sovietica negli anni'20, teso alla creazione di nuove razze di cavalli, e che vide l'attuazione di complessi esperimenti di incrocio fra diverse razze. In origine si intendeva produrre un buon soggetto adatto alla cavalleria, oggi questa razza è un ottima per la sella, con attitudine al salto. Nel 1921 fu creata una razza nelle scuderie di Terek e Stavropol, nel Caucaso settentrionale. Purtroppo negli anni '20 questa razza si estinse e gli esemplari sopravvissuti furono trasferiti a Terek e vennero utilizzati per la creazione di una nuova razza: il Tersk che è attualmente un cavallo straordinario eche ha ereditato l'aspetto e l'azione dell'arabo.

Caratteristiche fisiche e generali:
La criniera e la coda un po' "povere" sono costituite da crini sottili e sericei e sono caratteristiche estremamente diffuse che derivano sia dal Don che dal purosangue inglese "vecchio stampo". Il collo alto e lungo termina in un alto garrese e in una spalla sufficientemente inclinata. La testa e il collo sono di giuste dimensioni, con il capo caratterizzato da un profilo diritto o leggermente concavo. Il Budjonny è un cavallo piuttosto fine, per cui nemmeno gli stalloni hanno mai colli esageratamente voluminosi. Le zampe sono sottili e leggere anche se dimostrano qualche difetto nella qualità delle articolazioni. Questo cavallo è stato messo severamente alla prova su pista e su lunghe distanze. Ha una struttura ossea leggera con una massa corporea pesante. Il groppone è diritto e corto con la tendenza ad essere ampio e piatto; le reni sono allargate e la linea dorso-lombare lunga in genera dritta.
Il pelo è estremamente caratteristico e somiglia forse solo all'akhal- teke, ma risulta comunque piuttosto differente e comunque non ricorda il manto di nessun altro cavallo: anche col freddo sembra corto, ma è estremamente fino, fitto e caldo, per cui anche d'inverno non appaiono mai irsuti. I caratteristici riflessi metallici sono invece patrimonio comune del don, cui probabilmente sono stati trasmessi dagli apporti di sangue turkmeno. La pelle è piuttosto sensibile, sottile tanto da mettere il reticolo vasale in grande evidenza.
Questi cavalli sono pieni di sangue e personalità, divengono docili al loro padrone e sanno essere anche molto affettuosi, ma solo se questi sa conquistarne il rispetto con l'autorevolezza e la decisione, mentre è spesso difficile piegarli con la violenza, in quanto orgogliosi e di temperamento "caldo", coraggiosi e generosi. Sono galoppatori straordinari, spesso di indole competitiva, ma mai attaccabrighe.

Paese di origine: Russia
Altezza al garrese circa 170 cm.



Notizia stampata il 22 Sep 2017 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali