www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali

Paco detto l'Erede, il nostro figlio unico

Paco

Quando dorme, riposa, corre, gioca, mangia lo osservo. Lo osservo sempre. Penso di conoscere ormai ogni suo singolo pelo, ogni baffo, ogni piega della pelle. Posso aprirgli la bocca e guardargli i denti, infilargli il liquido nelle orecchie, pulirgli gli occhi, districargli i nodi più difficili nei posti più strani e lui sta immobile e paziente ad aspettare che io abbia finito. Quando, dopo il bagno o dopo una passeggiata nella pioggia, gli passo vigorosamente l'asciugamano sulla pelliccia lui mi lecca le mani per dirmi che gradisce essere massaggiato e pettinato. Penso sia un cane speciale ma forse è solo IL MIO cane ed io lo vedo migliore di tutti gli altri, poi mi fermo a pensare e scopro che i cani in generale sono anime speciali. Spesso mi chiedo se quando lo abbraccio lui possa provare lo stesso batticuore che provo io ma dico a me stessa che è solo un cane e che sarebbe troppo pretendere che "sentisse" da essere umano, poi lo guardo negli occhi è no!! non è un cane, i suoi occhi sono più dolci di quelli di tante persone, più buoni, i suoi sguardi di certo valgono tutte le parole che non può dire. Credo che i cani siano esseri perfetti, perfettamente capaci di dare tutto di se, perfettamente capaci di non chiedere nulla in cambio. Perfettamente incapaci di vivere senza l'amore. Quando l'abbiamo scelto abbiamo scelto di dividere 15 anni della nostra vita con lui. Abbiamo scelto di avere un naso freddo che si insinua tra noi qualsiasi cosa facciamo, che pretende di condividere ogni abbraccio appoggiando le sue zampe anteriori sulle nostre schiene. Abbiamo evitato molte meno serate al ristorante o al cinema perché vogliamo stare con lui. E quando non c'è ci manca.


Storia di Paco scritta da Elisabetta

Notizia stampata il 10 Aug 2020 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali
Promuoviti con i coupon