www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali
cura e salute
cura e salute
addestramento
addestramento
discipline
discipline
appuntamenti
appuntamenti
notizie
notizie

La cavezza

La cavezza

Vita da puledro: dal secondo al sesto mese

Durante il secondo e terzo mese di vita possiamo anche iniziare a mettere la cavezzina al puledro. Ormai lui la conosce benissimo perché fino ad ora l’abbiamo accarezzato con l’oggetto misterioso e lui non ne ha più paura, anzi è ben predisposto a prenderla in bocca e giocarci.
Avremo anche con le tante carezze desensibilizzato il muso, il puledro non ha paura dei movimenti delle mani intorno ad occhi e orecchi. Se sono valide queste premesse possiamo passare alla seconda fase.
Teniamo sempre il puledro vicino alla madre che gli darà sicurezza e tranquillità.

Sganciamo la cavezza nel sovranuca le prime volte, in modo che non si vada troppo a disturbare occhi e orecchie. Mettiamoci accucciati se il puledro si sente più a suo agio (dipende dal soggetto). Ripetiamo l’accarezzamento sul corpo con la cavezzina e soffermiamoci di più sul muso. A questo punto mettiamoci alla sinistra del puledro, l’estremità della cavezza nella mano sinistra e dopo aver passato il braccio destro intorno al collo del puledro prendiamo l’estremità destra. Adesso basta infilare la cavezza nel musino e tirarla su. All’inizio non andiamo subito a chiuderla, ma mettiamola e togliamola più volte, valutando le reazioni del nostro puledro. Se si mostra molto infastidito dovremo aspettare e ripetere questo esercizio per più giorni, mai in modo troppo continuativo per non annoiare e infastidire il piccolo.
Dovremo portare il nostro puledro ad un punto di non fare nessuna storia, la cavezza per lui deve diventare una cosa normale, come se l’avesse portata da sempre.
Quando noteremo, con la ripetizione di questa azione, che non mostrerà più fastidio, potremo provare ad allacciare la cavezza. Solitamente il puledro non dovrebbe fare grandi scenate, scuoterà un po’ la testa. Importante è che la cavezza non sia larga perché il puledro potrebbe grattarsi con i posteriori e introdurre i piedini. Inoltre questa operazione va fatta in un luogo sicuro, privo di appigli in cui si possa incastrare. Vorrei sottolineare ancora una volta che la madre deve essere sempre vicino.
Non lasciamo il puledro con la cavezza da solo. Per i primi giorni bastano 5/10 minuti. Ogni giorno mettiamogliela più volte, in modo che si abitui all’operazione. Dopo circa una settimana possiamo anche infilarla senza sganciare il sovranuca e farla quindi passare davanti agli occhi.

Pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8

A cura di Sara Gualandi


Notizia stampata il 19 Jun 2021 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali