www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali
cura e salute
cura e salute
comportamento
comportamento
appuntamenti
appuntamenti
viaggiare
viaggiare
news
news

Viaggiare in auto con il cane

Il cane è un essere vivente, dotato di capacità di analisi e di sintesi, che prova sensazioni di benessere e gioia oppure di disagio e tristezza. Situazioni piacevoli o di vero relax lo rendono euforico, socievole, pieno di vita, non aggressivo. Al contrario situazioni non piacevoli e di forte stress ,oltre a potergli procurare vere e proprie malattie psicosomatiche e comportamentali, lo rendono aggressivo,depresso, facile ad appartarsi e a reagire in modo non usuale e atipico.

Il portarlo in automobile perciò ,trattandosi per il cane di un evento stressante, non può essere considerato un semplice trasporto, ma come per i normali passeggeri umani deve essere un viaggio organizzato nel migliore dei modi ed effettuato nelle condizioni il più possibile favorevoli al benessere sia del corpo che della mente.

L’animale deve essere abituato fin da cucciolo agli spostamenti , ma anche un cane adulto, eventualmente cominciando con brevi giri in città o fuori porta, si abituerà gradatamente ai viaggi più lunghi.
Il posto ideale per viaggiare è il sedile posteriore al lato passeggero, sul quale il cane deve mantenere la cosiddetta posizione“accucciata”. A tal proposito sin da cucciolo bisogna abituarlo a tale posizione, evitandogli così di alzarsi e fare movimenti che possano creare ostacolo e disturbo a chi guida, nonché danno allo stesso animale. E’ bene perciò che durante i primi spostamenti in automobile, ci sia una persona seduta nel posto accanto al cane, in modo che gli faccia mantenere la posizione con richiami “alla voce” e lo tranquillizzi accarezzandolo e parlandogli con voce calma e rassicurante. Quando l’animale ha preso cognizione di come comportarsi e che quello è il suo posto in macchina, è bene per un cero periodo, nel sedile posteriore accanto al suo, deporre due cuscini, un pacco, un ostacolo insomma, in modo che il cane rimanga dalla sua parte e nella sua acquisita posizione. Quando si sarà definitivamente abituato si potrà lasciare il posto sgombro da ostacoli.

Per evitare gli effetti delle eventuali brusche frenate esistono in commercio delle cinture di sicurezza per cani che, consentendogli una sufficiente libertà di movimento, garantiscono sia all’animale che al guidatore una sicura garanzia di incolumità.

Alcuni cani soffrono di mal d’auto per cui se durante i primi viaggi nell’animale si notassero agitazione,senso di smarrimento e scialorrea (copiosa salivazione) è bene rivolgersi al proprio veterinario, che provvederà a prescrivere i farmaci necessari per eliminare l’inconveniente.

E’ bene non dare da mangiare al cane prima della partenza; durante il viaggio (se particolarmente lungo) si può eventualmente compensare il mancato pasto con brevi spuntini a base di “crocchette”.
Circa ogni due ore è bene interrompere il viaggio per permettere al cane, al pari dei suoi padroni, di effettuare un po’ di movimento, dissetarsi e fare i bisognini. E’ di fondamentale importanza ricordarsi di mettere il guinzaglio prima dell’apertura delle portiere, per evitare eventi imprevisti che possano causare incidenti al cane o provocarne la fuga.
E’ bene ricordarsi di portare sempre una ciotola e una bottiglia di acqua. Particolare attenzione dovrà esser posta affinché durante le soste, il cane non si abbeveri in pozze dove l’acqua è ferma o stagnante, onde evitare la possibile successiva comparsa di malattie infettive o parassitarie.

Se l’auto non è dotata di aria condizionata è buona norma durante la marcia, specialmente d’estate, tenere i finestrini aperti quanto basta per fare circolare l’aria, evitando però in modo assoluto che il cane metta la testa fuori dal finestrino onde evitare la comparsa o la recrudescenza di fastidiose otiti,congiuntiviti o malattie dell’apparato respiratorio. Se viceversa esiste un impianto di climatizzazione, evitare che il flusso di aria fredda arrivi direttamente a colpire l’animale perché potrebbe essere causa di fastidio e/o danno all’apparato respiratorio. .
Nei mesi caldi non lasciare per nessuna ragione il cane sull’auto in sosta, anche se all’ombra, perché numerosi e tragici sono gli episodi riferibili all’inevitabile colpo di calore con conseguente collasso cardio-circolatorio ,che in molti casi hanno portato l’animale alla morte.

Negli altri mesi dell’anno qualora venisse lasciato per brevi periodi sulla vettura è necessario lasciare i finestrini semiaperti per permettere una aerazione e circolazione d’aria più che sufficiente.

Trasportare liberamente un cane in auto, ma comunque sempre sul sedile posteriore, è consentito da Codice della Strada per un solo animale; infatti all’art. 169 così dispone: "Sui veicoli diversi da quelli autorizzati a norma dall'art.38 del D.P.R. 8 febbraio 1954, n.320, è vietato il trasporto di animali domestici in numero superiore a uno e comunque in condizioni da costituire impedimento o pericolo per la guida. E' consentito il trasporto di soli animali domestici, anche in numero superiore, purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete od altro analogo mezzo idoneo che, se installati in via permanente, devono essere autorizzati dal competente ufficio provinciale della Direzione Generale della M.C.T.C.".
La violazione delle regole comporta oltre alla sanzione amministrativa prevista, la perdita di un punto sulla patente.
BUON VIAGGIO !!!!!

Dott. Gianfranco Pinzone

Notizia stampata il 11 May 2021 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali