www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali
cura e salute
cura e salute
comportamento
comportamento
appuntamenti
appuntamenti
viaggiare
viaggiare
news
news

Viaggio in aereo con il cane

Per i cani il viaggio in aereo è fortemente stressante, soprattutto se l’animale dovrà essere trasportato nella stiva , rinchiuso nelle apposite gabbie messe a disposizione dalle compagnie aeree.
Per tale motivo sono sconsigliati i lunghi viaggi (ovviamente se proprio non se ne può fare a meno……) mentre per i percorsi a medio o corto raggio, se non effettuati ripetutamente e in brevi periodi, gli effetti negativi sull’animale sono facilmente superati nei giorni successivi al volo.
L’animale non deve essere sedato in quanto ad alta quota, anche se il viaggio avviene in ambiente presurrizzato, diminuisce la frequenza cardiaca, il sangue circola meno e la temperatura corporea tende a abbassarsi, per cui possono insorgere fenomeni collassanti con possibili conseguenti situazioni a rischio. Per tali ed altri motivi alcune compagnie non caricano a bordo animali che siano sedati; leggeri tranquillanti naturali (estratti di valeriana,camomilla o passiflora ecc.), possono invece essere molto d’aiuto per fare sì che il cane mantenga una certa tranquillità.
Se si è proprietari di un cane particolarmente nervoso o irritabile, è consigliabile prima del volo, recarsi dal proprio veterinario di fiducia per valutare quelle che potranno essere gli interventi del caso da adottare.
In cabina generalmente sono accettati i cani di piccola taglia, trasportati nell’apposita gabbietta dotata di fondo impermeabilizzato ed il cui peso complessivo non superi i 10 Kg.. Negli altri casi, cani di media e grossa taglia, devono essere trasportati nelle già sopracitate gabbie messe a disposizione della compagnia aerea, all’interno della stiva che è pressurizzata. Alcune compagnie garantiscono l’assistenza di personale specializzato, centri di assistenza e di ristoro per gli animali duranti gli scali
I cani guida per i non vedenti viaggiano gratuitamente ed insieme al passeggero; ciò vale per tutte le compagnie.
E’ buona norma, prima della partenza con destinazione all’estero, recarsi o telefonare al Sevizio Veterinario della propria A.S.L., per avere informazioni sulle particolari prescrizioni esistenti per l’introduzione degli animali nel territorio dello Stato di destinazione o di transito (se con scalo intermedio) e del necessario certificato dovuto.
Dott. Gianfranco Pinzone

Notizia stampata il 11 May 2021 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali