www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali
no vivisezione
no vivisezione
leggi e norme
leggi e norme
libri sugli animali
libri sugli animali
news
news
appelli e petizioni
appelli e petizioni
cura e salute
cura e salute

Io, Claudia e Plük

“È una storia che potrebbe essere una storia qualunque, una storia uguale alle altre. Quando, però, si parla del proprio amico a quattro zampe, cambia tutto e la storia diventa unica e irripetibile”. Con queste parole Maria Grazia Crozzoli, torinese classe 1962, sembra quasi voler mettere le mani avanti nell’introduzione del suo Io, Claudia e Plük (Gruppo Editoriale Castel Negrino, ottobre 2011). Come a dire: so che potrebbe sembrare una storia già letta mille altre volte, ma per me è, e resta unica. In effetti questo esordio narrativo della Crozzoli segue quel filone, ricchissimo negli ultimi anni, in cui il cane diventa protagonista e strumento per raccontare un pezzo di vita. Pensiamo solo al famoso Io e Marley, da cui è stato tratto anche un film, e agli innumerevoli altri sequel che hanno sfruttato il medesimo topos narrativo. 

Eppure in questo suo Io, Claudia e Plük c’è qualcosa di diverso. La boxerina Pelo (familiarmente nominata Plük ma anche Cicciola e Sensibile) non fa sempre da ideale prisma attraverso il quale rileggere dieci anni di vita dell’autrice. Spesso sembra quasi porsi da parte, lasciando che sia la stessa Crozzoli a calcare il palco di carta del suo libro. Come nel caso della sua (coraggiosa) auto-affermazione di donna gay, felicemente fidanzata e convivente  con Claudia. O come nelle toccanti pagine dedicate alla repentina morte della madre a seguito di un tumore.

Qui il tono narrativo, sempre brioso e dinamico e tale da scivolare facilmente in un tono colloquiale di facile accesso per tutti, un poco rallenta e si fa più piano, ragionato, sofferto. Ma è questione di poco. Esattamente come farebbe nella vita reale, la boxerina (ma anche tutti gli altri cani di cui è costellato questo libro) riprende subito a spingere il muso in cerca di attenzione, di parole piene di affetto, divertimento, e dolore quando il suo tempo alla fine sopraggiunge. 

In questo Io, Claudia e Plük, insomma, i cinofili non faticheranno a rivivere situazioni già viste e per questo proveranno un innegabile moto di complicità con l’autrice e la sua compagna; i non-cinofili, invece, troveranno una testimonianza vera e forte di amore non solo per il cane ma direi anche la vita in generale. Ma anche uno spaccato - non macchiettistico, non autocelebrativo e nemmeno stereotipato - di una generazione di trentenni che s’affacciano al nuovo millennio, e i cui sogni, affetti e speranze emergono attraverso il rapporto con un cane. 

Nota sull’autore: 

Maria Grazia Crozzoli, laureata in scienze motorie, dedica il suo insegnamento ai ragazzi diversamente abili. Vive nelle Langhe, con al fianco una boxer di nome Birra e un labrador di nome Trippa.

"Io, Claudia e Plük" di Maria Grazia Crozzoli
Gruppo Editoriale Castel Negrino, 2011
pp. 198, euro 17,90


Notizia stampata il 22 Oct 2021 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali