www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali
no vivisezione
no vivisezione
leggi e norme
leggi e norme
libri sugli animali
libri sugli animali
news
news
appelli e petizioni
appelli e petizioni
cura e salute
cura e salute

OIPA: un duro colpo per i trafficanti di fauna esotica

Venerdì 26 agosto il nucleo delle guardie eco-zoofile OIPA di Napoli, insieme con le guardie zoofile Lida, su disposizione della Procura della Repubblica di Napoli, ha ispezionato due esercizi commerciali del capoluogo campano e sequestrato fauna selvatica detenuta illegalmente e in condizioni di maltrattamento per un valore di circa 200.000 euro.

A seguito di numerosi controlli e fermi di vetture cariche di esemplari di fauna esotica  effettuati nei mesi scorsi, le guardie zoofile OIPA hanno indagato per scoprire la destinazione degli animali, identificando un centro per pratiche automobilistiche e un noto negozio di animali nel centro di Napoli.

La scuola guida esibiva infatti in vetrina una teca con due esemplari di boa constrictor e un pitone reale sprovvisti di regolare documentazione CITES e detenuti in condizioni non idonee. I rettili sono stati sequestrati e il proprietario è stato denunciato per detenzione illegale di fauna esotica e maltrattamento.

Il negozio di animali, che giocava un importante ruolo nel traffico illecito, deteneva centinaia di animali esotici e tropicali tra cui boa, pitoni, gechi, iguane, raganelle, rare specie di rane oltre che una teca con 18 uova di rettili e anfibi di specie protetta posizionata in un sottoscala. Tutti gli animali erano costretti in teche molto piccole e del tutto sprovviste degli elementi utili a ricreare le condizioni di temperatura e habitat propri di questi esemplari. Al proprietario sono state elevate sanzioni pari a 105.000 euro ed è stato denunciato per allevamento abusivo di specie di fauna esotica protetta, detenzione illegale ai fini di vendita, maltrattamento, ricettazione, frode fiscale, mancata esibizione di certificati Asl e CITES.

“Nel 2011 gli introiti del traffico illegale di specie protette hanno raggiunto, se non superato, quelli del traffico di stupefacenti I criminali hanno infatti rivolto i loro interessi ad un tipo di commercio che offre grossi guadagni e rischi contenuti grazie alle pene poco incisive previste per la violazione delle legge in materia. – sottolinea Massimo Pradella, Coordinatore Nazionale Guardie Eco-zoofile OIPA Italia Onlus –  E’ quindi molto importante il lavoro quotidiano sul campo portato avanti dal nostro nucleo di guardie zoofile che, in collaborazione con le Forze dell’Ordine, ostacolano in ogni modo coloro che lucrano sulla pelle degli animali.“

Alessandra Ferrari - Ufficio stampa OIPA Italia


Notizia stampata il 06 May 2021 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali