www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali

RECEPT: progetto per ridurre i rischi di collisione tra cetacei e imbarcazioni, con l'ausilio dei satelliti

Una rete informatica che consente alle navi di localizzare in tempo reale la posizione di balenottere e capodogli riducendo i rischi di collisione, una delle prime cause di mortalità dei grandi cetacei nel Mediterraneo e un pericolo anche per le imbarcazioni coinvolte.

È l’obiettivo “impatto zero” del sistema REPCET (Repérage en temps-réel des cétacés) presentato il 21 luglio 2010 in Francia, che nell’estate del 2010 (Anno della Biodiversità) monitorerà oltre 230.000 miglia nautiche all’interno del Mediterraneo, dalle coste italiane fino alla Tunisia.
È nata dunque un'ottima collaborazione tra WWF Italia, che ha sposato l’iniziativa nell’ambito della sua Campagna Mare, e Costa Crociere, il primo gruppo crocieristico a livello internazionale ad aver aderito in via sperimentale al progetto.

Il meccanismo è semplice: ogni avvistamento di grandi cetacei da parte del personale di guardia della nave viene trasmesso via satellite ad un server sulla terraferma. Il server centralizza i dati e invia un alert a tutte le navi provviste di REPCET. Gli alert vengono poi mostrati cartograficamente su uno schermo dedicato a bordo della nave, che evidenzia le zone a rischio in cui è possibile incontrare l’animale, mentre un allarme personalizzato avvisa i membri dell’equipaggio del rischio di collisione.

Per approfondire l'argomento: www.wwf.it


Notizia stampata il 19 Jan 2021 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali