www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali

NIBBIO BRUNO

nibbio bruno

Ordine: Falconiformi
Famiglia: Accipitridi

Caratteristiche generali
Il nibbio bruno o nibbio nero misura circa 50 centimetri di lunghezza e pesa dai 700 a 900 grammi. Il suo dorso è di colore bruno scuro, il ventre fulvo striato di nero e la testa biancastra, anch'essa striata di nero. La biforcazione della coda è ben pronunciata. La sua area di diffusione è molto vasta: copre quasi tutta l'Europa, ad eccezione delle regioni nordoccidentali( Scandinavia, Olanda, Belgio e isole britanniche), l'Asia, l'Australia settentrionale e tutta l'Africa, al di fuori del Sahara. Il nibbio bruno trascorre le giornate di bel tempo librandosi nell'aria a grandi altezze. Solitamente si accontenta di prede morte, con una grande predilezione per i pesci. Sorvola laghi e stagni scrutando le loro superfici dall'alto alla ricerca di animali morti di cui impadronirsi senza difficoltà. Cattura anche piccoli roditori, nidiacei e rettili. Alcuni nibbi bruni si avventurano anche nelle fattorie per catturare pulcini o polli, ma anche lumache e lombrichi. E' un uccello che vive in branchi anche di 50 individui ed è dunque molto socievole. Il suo nido è quello vecchio di una cornacchia o di un rapace, e viene utilizzato per parecchi anni di seguito, dopo essere stato riparato ogni volta. Per la nidificazione di solito preferisce un posto su un albero a una decina di metri da terra, ma anche su una parete rocciosa, in un cespuglio, o su un palo. Se non viene spaventato è abbastanza socievole con gli esseri umani e si stabilisce volentieri in prossimità di parchi. La covata consta di 2 o 3 uova bianche macchiate di bruno, che la femmina cova per 32 giorni. Maschio e femmina si dividono il compito di allevare il piccolo, il padre assicurando il rifornimento di cibo, e la madre dando la protezione e l'imbeccata. Questo rapace può vivere a lungo, anche fino a 25 anni, ma raggiunge la maturità tardi: sembra che non sia atto alla riproduzione prima dei due anni, forse anche tre.

Notizia stampata il 20 Nov 2017 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali