www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali

Airone golia

Airone golia

Nome scientifico: Ardea goliath
Ordine
: Ciconiiformes
Famiglia
: Ardeidae


Descrizione
E' il più grande airone del mondo, raggiunge una taglia compresa tra il metro e trenta e il metro e cinquanta di altezza, compresi i 20 cm circa di lunghezza della coda. Ha un'apertura alare che supera gli 80 cm di lunghezza. L'Airone golia ha un piumaggio grigio ardesia, con penne marroni. Il capo e la cresta, la faccia, i lati e il dorso del collo sono di un rosso cannella. Il mento e la gola sono bianchi. La parte anteriore del collo e la parte alta del petto sono bianchi striati di nero. Le penne alla base del collo sono lunghe e blu-grigie. Le cosce, il ventre e la parte bassa del petto sono marrone scuro, leggermente striate di nero. Il dorso è grigio. La testa presenta una cresta a spazzola rosso cannella. Gli occhi sono giallastri e hanno un anello perioculare giallognolo, le redini sono verdi. Il becco lungo, forte e appuntito presenta la ranfoteca superiore di colore nero, quella inferiore grigio-verdastra. I lunghi arti e i piedi sono neri. Entrambi i sessi sono simili. I giovani assomigliano agli adulti ma hanno colori più sbiaditi.

Alimentazione
L'Airone golia si nutre di pesci, crostacei, piccoli roditori, anfibi, serpenti.

Riproduzione

Di solito costruiscono il nido in coppie solitarie, anche se qualche volta formano delle colonie con altre specie di aironi. Si riproducono da giugno a gennaio, spesso in concomitanza con la stagione delle piogge. Il nido, largo quasi un metro di diametro, è costruito con ramoscelli. Si trova su alberi, bassi cespugli, rocce o isole tra le mangrovie, ma anche sul terreno su letti di canne, spesso molto vicino all'acqua. La femmina depone 2 o 3 pallide uova di colore blu. La loro incubazione inizia dalla deposizione del primo uovo, dura circa 4 settimane ed entrambi i genitori vi partecipano. I pulli sono gestiti da entrambi gli adulti, ma spesso i pulli più cresciuti uccidono i più giovani. Il fratricidio non è la morte di un pullo a causa di una naturale selezione operata attraverso una lotta. Ad una prima occhiata potrebbe sembrare una strategia non adattativa, ma il fratricidio porta benefici sia ai genitori che alla nidiata. Porta benefici ai genitori perché la loro progenie potrà sopravvivere, e porta benefici alla nidiata perché essi ricevono una maggior porzione delle risorse alimentari fornite dai genitori. Verso la sesta settimana i giovani cominciano a fare i primi voli fuori dal nido.

Comportamento
Questi uccelli sono estremamente timidi e sospettosi nei confronti degli umani. Sono pressoché sedentari e le ricerche effettuate indicano che non migrano. Il loro volo è lento, con gli arti portati non orizzontalmente come gli altri aironi ma ad angolo sotto il corpo. Volano con battiti d'ala lenti e pesanti, anche per lunghe distanze. Gli Aironi golia camminano lentamente in acque più profonde di quelle affrontate da altri aironi, oppure stanno in acque basse, sulla vegetazione galleggiante, osservando nell'acqua ai loro piedi, cercando le prede. Quando appare una preda, la infilzano a becco aperto. Catturano anche grandi pesci, dal peso di 2 o 3 kg, e li portano sulla riva dove li consumano tranquillamente. Pescano sempre nello stesso luogo. Sono cacciatori passivi: possono rimanere immobili nello stesso posto per ore prima di colpire. Le prede si dibattono violentemente e gli Aironi golia li infilzano nella zona delle branchie, per sorprenderli. Spesso si vedono da soli o in coppia. Sono uccelli notturni, spesso osservati al crepuscolo, alla ricerca di cibo nelle paludi. I display di corteggiamento sono sconosciuti, ma questa specie è monogama. Le loro lunghe penne sulla cresta, sul collo, sul petto e sul dorso si sviluppano prima del periodo riproduttivo. Emettono dei richiami rauchi, bassi e ripetuti. Questi richiami possono assomigliare, di volta in volta, a gracidii e a gorgoglii. Fuori dalla stagione riproduttiva sono prevalentemente silenziosi. Non possiedono la ghiandola dell'uropigio così importante negli uccelli acquatici per impermeabilizzare il piumaggio. Al suo posto, hanno speciali zone di piumino sulla parte inferiore del corpo. Questo piumino si polverizza di continuo e l'airone usando il becco lo passa sul piumaggio quando lo pulisce. La polvere serve per assorbire il muco dei pesci, e gli aironi rimuovono il tutto con un artiglio a forma di pettine che si trova sul dito medio anteriore.

Habitat e distribuzione
Gli Aironi golia vivono in paludi, laghi, stagni, foreste di mangrovie e qualche volta presso i delta dei fiumi. Necessitano di acqua dolce, ma si possono trovare anche in aree costiere sia in acqua dolce che salata. Vive nell'Africa sub-sahariana, e alcune piccole popolazioni sono presenti nell'Asia sud-occidentale e meridionale, in Pakistan, in Siria e in Iraq.

A cura di Luca Barducci


Notizia stampata il 20 Nov 2017 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali