www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali

Pernice bianca



Questo uccello, che popola la tundra e le montagne più elevate, sopravvivendo a uno dei climi più aspri della Terra, deve stare in guardia da numerosi predatori: il gufo delle nevi, girifalco, L'ermellino, la volpe artica.

Ottima volatrice, preferisce però fidarsi delle capacità mimetiche del propio piumaggio, che cambia addirittura tre volte all'anno.

Durante L'inverno, le piume completamente bianche le permettono di confondersi con la neve che ricopre tutta la tundra. Non solo: se attaccata in volo, si precipita a terra scavandosi una tana provvisoria che, di solito, la salva.

In primavera, man mano che la neve scompare, anche le penne bianche della pernice sono sostituite da altre screziate, simili a quelle del fagiano. Non così quelle del maschio che, ancora per alcune settimane, rimangono bianche, ben visibili, in un ambiente ormai ha un colore diverso. Quello che era un colore protettivo diventa così un richiamo per i predatori: solo i maschi più robusti e più dotati sopravvivono riusciendo a riprodursi, mentre gli altri vengono inesorebilmente catturati.

I pulcini di pernice, che nascono giaà con gli occhi aperti e le forti zampe in grado di farli correre, hanno un piumaggio mimetico come quello della mamma. La principale tattica di difesa della pernice, infatti, è rimanere immobile fino all'ultimo, per poi volare o correre via improvvisamente, sorprendendo l'avversario.

Scheda e foto di Elisa Canarino

Notizia stampata il 19 Nov 2017 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali