www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali

CRICETO

criceto criceti

I Criceti

Classe Mammiferi
Ordine Roditori
Sottordine Miomorfi
Famiglia Cricetidi

Le origini
Il criceto è stato scoperto nella prima metà del diciannovesimo secolo in Siria da un naturalista, nei primi del ventesimo secolo un altro naturalista sempre in Siria avvisto nuovamente questo curioso animaletto e gli diede il nome di mesocricetus auratus. Per avere degli esemplari in cattività però bisogna aspettare circa il 1930 in cui uno zoologo riuscì a trovare alcuni esemplari e ne prese alcuni per allevarli. Successivamente verranno poi trasportati prima in america e poi in tutto il mondo. Queste sono le origini del criceto domestico, ma esiste anche una versione selvatica del criceto (cricetus cricetus) di taglia maggiore, che è un animaletto che vive nell’Europa centrale e orientale fino anche all’Asia.

Le razze
- Criceto dorato --> mesocricetus auratus
- Criceto russo (detto anche criceto di Campbell) --> phodophus campbell
- Criceto cinese
- Criceto Roborovsky
- Criceto siberiano (Winter White) --> phodophus sungorus


Caratteristiche delle razze

criceto dorato: il criceto dorato è stato il primo criceto ad essere allevato, ha taglia leggermente più grande delle altre razze domestiche, il suo corpo può raggiungere anche i 15cm, ha una vita media di 2 anni anche se sono documentati casi di criceti che hanno abbondantemente superato quest’età. Diventano maturi sessualmente già ad un mese di vita, vengono infatti svezzati già intorno i 25 giorni e la gravidanza dura circa due settimane, fanno cucciolata molto numerose. Sono soggetti molto territoriali e la convivenza tra più soggetti sia dello stesso sesso che non è praticamente impossibile, si verificano infatti lotte molto violente, uccisioni e atti di cannibalismo. Sono come tutti i criceti ma questa razza in particolare molto territoriali e solitari. Ci sono tantissimi colori sia unica tinta che pezzati e varietà a pelo lungo o corto.
criceto russo: il criceto russo è uno dei più allevati in questo ultimo periodo, il corpo raggiunge massimo i 10cm, sono molto piccoli di taglia, ha una vita più breve del dorato in quanto la media è di un anno e mezzo, anche se naturalmente ci sono casi in cui questi animaletti hanno superato i due anni di vita, ad ogni modo è rarissimo che raggiungano i due anni e mezzo. Anche loro sono maturi sessualmente molto presto, già verso il mese e mezzo di vita e la loro gravidanza dura leggermente di più del dorato, in media sono diciassette giorni ma può raggiungere anche le tre settimane, le cucciolate sono leggermente meno numerose, possono farne anche otto, ma di solito la media è di cinque. Sono criceti leggermente più socievoli ma pur sempre criceti, quindi se presi due piccoli della stessa cucciolata dello stesso sesso possono convivere, e se si ha abbastanza spazio ci sono casi in cui i cuccioli possono formare delle colonie con i genitori,invece è praticamente impossibile inserire un soggetto dello stesso sesso estraneo e alcune volte anche di sesso diverso. Anche qui ovviamente sono presenti più colorazioni e più tipi di pelo, anche se la varietà più diffusa è quella grigia con la caratteristica striscia scura lungo il dorso.
criceto siberiano: viene spesso confuso con il criceto russo e le caratteristiche sono molto simili, anzi quasi uguali. La differenza è che durante l’inverno il suo mantello diventa bianco. In questa razza sono presenti un paio di colorazioni.
criceto cinese: ha una grandezza simile al criceto di Campbell anche se può essere qualche cm in più, la coda è più lunga che negli altri criceti. Ha un colora sul marroncino, tipo il colore della lepre. Al contrario che nelle altre razze in questa il dimorfismo sessuale è evidente data la presenza dei testicoli esterna. Come i dorati non sono per niente socievoli con gli altri criceti sia dello stesso sesso che di sesso differente, arrivano ad uccidersi e per questo sono da tenere assolutamente separati, non soffrono sono territoriali e solitari. La femmina accetta il maschio solo nel periodo del ciclo estrale, la gravidanza dura una ventina di giorni, dalla quale nascono pochi cuccioli, circa 3 o 4, difficilmente 5, vengono svezzati intorno i 25 giorni e sono fertili dai due mesi.
criceto di Roborovsky: è un criceto abbastanza longevo rispetto agli altri con una media di 3 anni, sono davvero molto piccoli, la lunghezza è la metà di un criceto russo, quindi intorno i 5cm. Hanno il manto marrone dorato con del sottopelo scuro e il sotto del corpo bianco. Sono maturi sessualmente intorno i 4 mesi e la gravidanza dura tre settimane dalla quale nascono circa 5 piccoli che vengono svezzati intorno le tre settimane. Date le dimensioni ridotte conviene usare le gabbie in plexiglas o terrari, dato che passano molto facilmente dalle sbarre.

Alloggio
I criceti possono essere alloggiati nelle classiche gabbie in vendita, naturalmente devono avere delle misure adeguate, non troppo piccole come purtroppo sono molte volte in vendita, ci sono davvero diversi tipi, a due e più piani, con tubi e altro. Per i criceti più piccoli è comunque consigliato comprare gabbie o con sbarre molto strette e solide o dei piccoli terrari chiusi, o gabbie in plexiglas, in quanto i criceti che hanno le ossa molto flessibili scappano facilmente.
Nella gabbia è importante mettere un nido (casetta), una ruota che comunque deve essere del tipo chiuso tra una sbarra e l’altra, che altrimenti rischiano di incastrare le zampine, una ciotola con il cibo e un beverino a beccuccio dove deve sempre esservi acqua fresca. Nelle gabbie in plexiglas o terrari mettendo dentro il truciolato apposito per roditori i criceti possono divertirsi a scavare dei tunnel sotterranei.
Come lettiera, si può usare del truciolato per roditori assolutamente non aromatizzato, che può creare problemi alle vie respiratorie e le esalazioni possono creare altri problemi; in alternativa si può usare del pellettato di legno e tutolo di mais. Non va usata la lettiera per gatti.
Nel nido non va messa ne bambagia, ne cotone idrofilo, ne ovatta, neanche quelli in commercio che spesso causano soffocamenti e spesso si impigliano nelle zampine creando problemi; quindi nel nido può essere messa o della carta (tovaglioli, carta igienica, fazzolettini…), in alternativa fieno o paglia.
La gabbia deve essere tenuta in luoghi non eccessivamente rumorosi, dove non ci sia ne troppo freddo, ne troppo caldo, in teoria dovrebbe mantenersi su una media di 15°. Se abbastanza spaziosa la gabbia può essere pulita anche una volta a settimana.

Il carattere
I criceti per quanto si dica sono animali territoriali e solitari, una cattiva informazione è fatta anche da recenti cartoni animali, dove si vede una stretta interazione tra bambini e criceti, dove i criceti possono stare liberi, dove non scappano, dove sono socievoli tra loro e socievoli con le persone. Ebbene niente di meno vero. I criceti non sono animaletti per bambini, in quanto sono animali prima di tutto notturni, ciò significa che durante il giorno questi animaletti dormono, tranne che per brevi momenti. Inoltre se questi animaletti stanno dormendo e vengono svegliati di botto o vengono presi ugualmente non ci penseranno due volte a voltare morsi, che sono comunque poco piacevoli. Sono animaletti che con pazienza possono addomesticarsi, magari avvicinandoli con del cibo, possono essere presi in mano e carezzati, e se si ha fortuna quando sono nella gabbietta e si chiamano possono venire. Ma se si lasciano liberi possono perdersi e difficilmente si riprendono. Sono tra di loro animali per nulla socievoli e sono molto territoriali, quindi capita che si uccidano tra di loro, che commettano atti di cannibalismo e persino i figli possono uccidere la madre, una volta svezzati. Quindi è bene tenere comunque anche un solo esemplare, in quanto sono molto riproduttivi, non si possono tenere insieme e poi si è comunque costretti a darli, ed è da segnalare che nei negozi molti finiscono come pasto per i serpenti. I criceti non convivono neanche con animali di specie diverse.

L’alimentazione
In passato si credeva che i criceti dovessero mangiare solo semi di girasole, ebbene non è così in quanto l’alimentazione del criceto, che è onnivoro deve essere molto varia. Inoltre i semi di girasole sono molto grassi e per questo vanno dati non sempre e senza eccedere. In commercio ci sono dei mix discreti, specialmente di alcune marche, ad ogni modo non basta il cibo secco.  Deve essere somministrata verdura e frutta, la verdura principalmente cruda, ma se cotta deve essere scondita e bollita. Hanno bisogno anche di carboidrati che prendono dalla pasta cotta, pane, fette biscottate, biscotti senza zucchero, cereali. Inoltre devono prendere altri tipi di proteine, dunque si possono dare dei croccantini per cane o per gatto, ma tipo una crocchetta ogni due giorni, poi uova sode, carne cotta, tonno naturale, yogurt e formaggio. Naturalmente bisogna evitare di dare dolciumi, merendine, snack in commercio, cioccolato,latte e roba non commestibile all’uomo.

La riproduzione
Avendo già dato dei dettagli più particolari nelle varie razze, in generale il criceto è riproduttivo durante una stagione ma in cattività può esserlo sempre, persino subito dopo il parto. I piccoli nascono nudi e ciechi e non vanno assolutamente toccati, come non va disturbata neanche la mamma, la gabbia non va pulita, finché i piccoli non escono dal nido e mangiano da soli, intorno i 20 giorni.  Il maschio nei russi,siberiani e Roborovsky, può essere lasciato ma va comunque controllato e tolto se necessario, nelle altre razze il maschio va tolto. I piccoli sono alimentati dalla madre prima con il latte e poi pian piano svezzati. Durante la gravidanza e l’allattamento la dieta deve essere più proteica. I cuccioli verso i 30 giorni vanno separati dalla mamma e comunque divisi anche tra di loro, in alcune razze per questioni di aggressività, nelle altre è comunque consigliabile per evitare riproduzioni incontrollate ancora di più tra fratelli. Le femmina hanno l’ano e la vulva molto vicini, il maschio li ha più distanti. In età matura nei maschi sono visibili i testicoli.

Le malattie e le cure
I criceti non trasmettono malattie all’uomo, tranne eventuali rogne o micosi e malattie comunque non comuni…possono essere presenti diverse patologie: tumori, ascessi, infezioni, ferite, crescita eccessiva dei denti, diarrea, costipazione,etc. per qualsiasi sintomo il criceto va portato comunque dal veterinario, naturalmente bisogna cercare un veterinario esperto in esotici in quanto non tutti i veterinari sono effettivamente esperti in piccoli animali. Non hanno alcun bisogno di vaccinazione ed è comunque da segnalare che quando si ha l’influenza bisogna non star troppo vicini ai cricetini, in quanto è trasmettibile e per loro potrebbe anche essere letale, quindi bisogna avere i giusti accertamenti.

Letargo
Capita più volte di vedere criceti come morti, a volte anche irrigiditi e con il corpo freddo, bisogna costatare che siano davvero morti, in quanto quando la temperatura scende anche sotto i 7°, capita che cadano in un sonno profondo, da farli sembrare effettivamente morti. In questo caso, se c’è questo dubbio, vanno messi in un posto dove la temperatura è comunque calda, intorno i 18° in modo che eventualmente in poco tempo inizi nuovamente a svegliarsi.

criceto criceti

 criceto criceti

Si ringrazia Silvia per aver realizzato la scheda del criceto.
Si ringrazia Shadel per aver inviato le foto di Ernestino.
Si ringrazia Fracesca di www.cincilla.net per aver inviato le foto di Scriciscrici


Notizia stampata il 21 Dec 2014 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali