www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali

CASTORO

castoro

Caratteristiche generali
Il castoro Ŕ diffuso in Germania, in Polonia e in Russia. E' stato introdotto solo pi¨ tardi nella penisola scandinava e nel lago di Ginevra. Vive inoltre in Siberia e nella Mongolia settentrionale. Il castoro non supera gli 80-90 centimetri di lunghezza e il peso oscilla da 20 a 30 chilogrammi. Il corpo appare tozzo, robusto, molto pi¨ sviluppato nella parte posteriore. La testa Ŕ larga posteriormente e fornita di un muso breve e ottuso. Le zampe sono corte e robuste e sono provviste di 5 dita di cui le posteriori sono collegate fra loro da una larga membrana natatoria. La coda rotonda, alla base si appiattisce, acquistando la forma di una spatola ovale larga da 15 a 20 centimetri circa. I piccoli orecchi sono nascosti dal pelo, che si compone di una lanetta fitta e di setole lunghe, rigide e di colore bruno. La parte superiore del corpo Ŕ castano scuro con riflessi grigiastri, mentre quella inferiore Ŕ pi¨ chiara e appare di un grigio giallastro. Alla radice la coda Ŕ provvista di lunghi peli, mentre poi appare nuda e ricoperta di minuscole scaglie nerastre. Il mantello varia, infatti ci sono castori che tendono al nero, altri al grigio, e altri al bianco rossiccio. I denti, grossi e robusti, sporgono molto dalle mascelle. L'attivitÓ costruttiva del castoro dipende tuttavia dalla natura del terreno, dalla superficie dell'acqua e dalla vegetazione circostante. In Europa e in Siberia costruisce delle tane interrate negli argini dei fiumi: la galleria d'accesso sbocca sotto il livello dell'acqua da cui viene parzialmente invasa. Possono esservi diverse gallerie e tutte conducono a una prima camera, avente funzione di anticamera, dove il castoro si libera dell'acqua che impregna la pelliccia. Al vestibolo segue la camera di abitazione, in posizione sopraelevata, nella quale vive la famiglia. Un'apertura praticata nel soffitto assicura un'areazione sufficiente. L'apertura Ŕ ricoperta da rami intrecciati che mascherano tale apertura di areazione e le aperture delle camere di accesso. La struttura di questa tana Ŕ adatta agli argini solidi e sopraelevati rispetto al livello dell'acqua. La costruzione pi¨ notevole del castoro Ŕ invece la capanna, sempre approntata in acque limpide, su un terreno sopraelevato. Le capanne vengono costruite con tronchi e rami cementati con il fango che i castori distribuiscono con le zampe anteriori. Una o pi¨ gallerie d'accesso sboccano sott'acqua. Le capanne comprendono un'anticamera e una camera di abitazione che il castoro rialza nel caso il livello dell'acqua cresca. Quando sopraggiunge la piena e l'acqua invade la camera di abitazione, il castoro prepara un rifugio provvisorio sul tetto della capanna. Oltre alle singole capanne, i villaggi dei castori comprendono in genere le costruzioni collettive: le dighe che sbarrano i corsi d'acqua, i laghi e gli stagni. Di indole molto prudente essi escono dalla tana di notte. Poco dopo il tramonto del sole, infatti, lasciano le gallerie, emettendo un fischio acuto, e gettandosi in acqua. Dapprima nuotano vicino alla tana, ma poi si avventurano sulla terraferma per cercare il cibo e il materiale da utilizzare per le loro costruzioni. I castori sono vegetariani e si nutrono della corteccia degli alberi che divorano con grande abilitÓ grazie ai loro incisivi che sono estremamente solidi e sporgono dalla mascella ed essi vengono impiegati dall'animale anche a bocca chiusa. I castori formano coppie durature. I giovani convivono con i genitori fino alla pubertÓ. L'epoca degli amori ha luogo in inverno. La gestazione dura in genere diverse settimane e le nascite avvengono nella capanna. I neonati sono ciechi e pelosi e il loro numero varia da 1 a 6. All'etÓ di due anni i giovani lasciano i genitori per costituire la propria famiglia.

Notizia stampata il 19 Nov 2017 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali