www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali

Riccio africano

Riccio africano

Phylum: cordati

Subphylum: vertebrati

Ordine: insettivori

Famiglia: Erinaceidae

Specie: Atelerix albiventris...ma non solo.

Caratteristiche:
peso compreso tra 300 e 650 gr, quindi quasi la metà del riccio europeo (quello che vive  come specie autoctona in italia). Il corpo superiore del riccio adulto è ricoperto di aculei, mentre la pancia è ricoperta da una morbida pelliccia. Quando si spaventa il riccio si richiude su se stesso proteggendo l’addome e formando una palla di aculei. Quando l’animale è rilassato gli aculei sono bassi e il riccio si può accarezzare senza timore.

Di cosa hanno bisogno?

L'unica cosa che hanno davvero bisogno è un luogo caldo e rispetto. Devono stare sopra i 20 gradi perché non vanno in letargo e se la temperatura scende sotto questa temperatura hanno reazioni letargiche con inizi di ipotermia (quasi un congelamento), molto pericolose. Una lampada rossa può risolvere questi problemi. Un bel ricovero (almeno 80X40 altezza 35, con all'interno o una casetta oppure stracci sotto cui dormirà tutto il giorno), è un'ottima soluzione. Di sera, quando naturalmente si attivano (ricordiamo che sono insettivori crepuscolari),si possono liberare in una stanza e farli scorrazzare per qualche ora e in quella situazione iniziare a conoscervi reciprocamente!  Sedetevi per terra, fatevi annusare, porgetegli il cibo con le mani.
Per l'alimentazione la cosa è semplice: un cucchiaio di croccantini di ottima qualità da gatto inumiditi in acqua, 1 cucchiaino di frutta o verdura tagliate a pezzetti e qualche camola o tarma ( di allevamento, si comprano su internet). Acqua fresca sempre a disposizione. Per l'alimentazione ci sono poi tutte una serie di ricette alternative...con cui sbizzarrire le vostre doti culinarie! Ma attenzione all'obesità: rischio importante per i ricci africani domestici.
Altre patologie che possono avere i ricci sono: - problemi dentali (tartaro, gengiviti, periodontiti, ecc.) - neoplasie - dermatiti - problemi al fegato - Alta percentuale tumorale in animali sopra i tre anni - Polmonite e problemi respiratori. Molto comuni le parassitosi e e coccidiosi (ma si curano facilmente). Bisogna stare un pò attenti anche dalle micosi.
Non dimenticate che i ricci africano sono animali solitari quindi a parte nel momento della riproduzione, stanno bene da soli. La gestazione dura 5-6 settimane e la cucciolata è composta in media da 1 a 5 soggetti (ma possono averne anche 8 o 10). Se la mamma si trova sola a momento del parto non ci sarà bisogno di nessun intervento. Nel caso il maschio sia presente, separatelo. Ai primi parti possono nascere cuccioli già morti, è necessario toglierli dal nido senza toccare nulla (con l‘aiuto di un cucchiaio). Durante le prime settimane è importante non toccare né madre né piccoli e addirittura non pulite il ricovero. Lo svezzamento finisce intorno alle 7/8 settimana. Possiamo considerare adulti i soggetti oltre i 6 mesi, non prima.

La prima cosa da chiarire è che sono animali DOMESTICI. Se decidete di acquistarne uno, accertatene la provenienza. Non necessita documentazione Cites. Allevati in casa sono naturalmente più abituati al contatto con l'uomo. Non dimentichiamo che sono insettivori crepuscolari!

A cura di Cascina Myriam


Notizia stampata il 20 Aug 2017 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali