www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali

Ragno

Caratteristiche generali

Nome scientifico: Trachinus araneus
Famiglia: Trachinidae (Trachinidi)
Ordine: Perciformes (Perciformi)

Il pesce ragno o trachino dragone, che raggiunge i 40 cm di lunghezza, abita l'Atlantico, il Baltico, il Mediterraneo e il mare del nord. Vive affondato nella sabbia fino agli occhi, nutrendosi di piccoli crostacei ed anche di pesciolini che cattura balzandogli addosso quando si avvicinano al suo nascondiglio, con una velocità di cui nessuno lo crederebbe capace.
La parola "trachino" deriva dal greco dràcaina che significa "femmina di drago". Nel Mediterraneo vivono quattro specie di trachini: il trachino ragno ( Trachinus araneus ), il trachino dragone ( Trachinus draco ), il trachino rigato o raggiato ( Trachinus radiats ) ed infine il trachino vipera ( Trachinus vipera ) il più pericoloso.
Tutti i pescatori sanno che ha delle proprietà velenifere che producono ferite molto dolorose. Il veleno iniettato agisce sia sul sangue sia sul sistema nervoso e causa un'intossicazione generale.
La carne del pesce ragno è saporita e molto ricercata.

Aspetto morfologico

Possiede un corpo fusiforme, molto allungato ricoperto di piccole squame. Occhi grandi situati nella parte superiore della testa, muso corto con grande bocca. La mascella inferiore è più sporgente della superiore ed entrambe sono munite di alcune serie di piccoli denti. Dotato di 2 pinne dorsali di cui la prima, corta, ha raggi veleniferi,di una pinna analee di una pinna codale leggermente concava.
il suo dorso ha un colore grigio-rossastro, i fianche sono bianco-giallastraii e sul ventre ha una serie di macchie nere.
Questo pesce possiede delle spine collegate a cellule che secernono una sostanza velenosa. Le spine si trovano sia sugli opercoli branchiali che sul dorso. Queste ultime sporgono dalla sabbia in cui è infossato l'animale e quando un piede le urta penetrano nella carne e vi iniettano il veleno (probabilmente una cardiotossina). Il dolore è acutissimo.


Notizia stampata il 20 Nov 2017 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali