www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali

ISTRICE CRESTATA

istrice

Caratteristiche generali
L'istrice crestata è caratterizzata da un corpo tozzo, testa grossa terminante con muso arrotondato e da aculei molto sviluppati. Misura circa 60 centimetri di lunghezza compresi i 10 della coda. L'altezza arriva a 25 centimetri. Il labbro superiore risulta ornato da baffi neri e lucidi. Sulla testa e lungo il dorso si estende una criniera erettile, formata da lunghe setole biancastre. La restante parte superiore del corpo appare coperta da aculei aguzzi, molto lunghi sul dorso. Questi aculei, ornati da anelli bianchi e neri, risultano impiantati unicamente nella pelle: questo è infatti il motivo per cui si staccano con facilità. Gli aculei, lunghi in genere fino a 50 centimetri, sulla coda raggiungono i 5 centimetri e presentano una forma tronca. Grazie alla presenza di un muscolo robusto che produce contrazioni energiche, tutti gli aculei possono essere eretti o abbassati verso l'indietro. La parte inferiore del corpo presenta un pelame di colore bruno scuro. L'istrice è diffusa nell'Italia centrale e meridionale, in Sicilia, nella penisola balcanica, nell'Africa settentrionale, nel Senegal, nel Sudan e in parte dell'Africa orientale. L'istrice è un animale pacifico, che ama vivere in solitudine e trascorrere la giornata nelle gallerie scavate nel terreno. Di notte esce alla ricerca di cibo, cioè di radici, frutti, cortecce d'alberi e foglie. Grazie ai denti si impossessa del cibo e si nutre trattenendo il cibo tra le zampe. Durante l'inverno rimane per lo più nella tana, dove dorme, senza peraltro essere in letargo. L'odorato è il senso più sviluppato, vista e udito sono invece deboli. La riproduzione ha luogo in primavera. Dopo 60-70 giorni dall'accoppiamento la femmina partorisce nella tana da 2 a 4 piccoli, i quali nascono con gli occhi aperti e il corpo ricoperto di aculei corti e molli, che si induriscono con il tempo.

Notizia stampata il 24 Nov 2017 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali