www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali

SOMALO

Somalo

La Storia

I Primi gatti Somali nascono negli anni Quaranta, da coppie di abissini regolarmente iscritti al Libro Origini, ma è solo alla fine degni anni Sessanta che qualcuno pensa di fissare l'abissino a pelo lungo con il nome di "somalo". I primi a riconoscere questa nuova razza sono gli Stati Uniti: un esemplare viene presentato a un'esposizione felina nel 1965.
Anche in Europa, in Australia e in particolare in Nuova Zelanda, dove ne erano nati tanti, un buon gruppo di allevatori incomincia ad apprezzarlo e valorizzarlo. Un allevatore tedesco, nel 1977, importa dagli Stati Uniti un somalo con tanto di pedigree e, nell'arco di una decina di anni, la maggior parte delle associazioni feline mondiali lo riconosce inserendolo nel gruppo dei gatti a pelo semilungo.
 
Caratteristiche fisiche
Il Somalo è un gatto a pelo semilungo, in cui sia ben visibilie il ticking, di corporatura media e di aspetto regale, ben proporzionato. E' un gatto snello, forte e muscoloso, attivo e vivace, con una spiccata curiosità per tutto ciò che lo circonda e ben equilibrato di carattere.
Otto sono i colori riconosciuti; il classico lepre, il blu, il rosso, il crema e il silver nero, blu, rosso e crema.
Caratteristica comune a tutte le varietà e tipica del pelo è il ticking determinato dal fatto che ogni singolo pelo ha una o più bande di colore con l' estremità scura.
Il somalo ha ereditato dall'abissino il gene Ta e il fattore A (agouti), cioè il colore selvatico.
 
Il Carattere
La prima impressione che si ha di un Gatto Somalo è quella di avere di fronte un piccolo animale selvatico: una volpe o un puma, che si muove per la vostra casa con movimenti fluidi e misteriosi. E' questo che mi ha immediatamente affascinato la prima volta che ne ho visto uno: l'impressione di avere di fronte un "felino" più che un gatto!!! Per contro il suo carattere è dolcissimo: affettuoso ed espansivo con i suoi conviventi umani, il Gatto Somalo si comporta quasi come un cagnolino seguendoli dovunque e partecipando sempre alla vita della famiglia. Sono agilissimi e delicati, capaci di spiccare balzi di due metri senza sfiorare alcun appoggio. I Somali sono duttili e molto intelligenti: se educati fin da piccoli possono imparare ad andare al guinzaglio, ad esempio, proprio come un cagnolino, o ad aprire le porte... anche senza un addestramento specifico in proposito!!! La loro curiosità è proverbiale!! La voglia di giocare li accompagna per tutta la vita e così anche l'insaziabile desiderio di imparare di tutto... magari anche ad intrufolarsi nella vostra auto per accompagnarvi al lavoro! I Somali restano con la madre fino ai tre mesi di vita, ma fin da subito la piccola tribù dei cuccioli diventa una banda i cui unici scopi sono il gioco ( che spesso coinvolge anche la mamma ) e l'osservazione degli umani di casa. Le persone sono per un gattino Somalo una fonte inesauribile di nuove scoperte affascinanti. L'ingresso nella nuova casa del gattino può avvenire a qualunque età superiore ai tre mesi. Il gattino a quel punto è vaccinato e la sua crescita ben impostata sia fisicamente che mentalmente. La sua curiosità lo spinge a non essere un ospite timoroso: adulto o cucciolo l'esplorazione del nuovo territorio lo terrà troppo occupato per dargli il tempo di preoccuparsi, e alla fine di una stancante giornata sarà felicissimo di accoccolarsi in braccio socchiudendo gli occhi e facendo le fusa, consapevole di aver compiuto, anche per questa volta, il difficile mestiere di "gatto"!!! I Somali adorano essere al centro dell'attenzione di tutta la famiglia, convivono benissimo con altri gatti, cani e diversi animaletti domestici ( ma restano sempre dei provetti cacciatori, per cui consiglio sempre molta attenzione con uccellini e piccoli roditori, ad esempio... ), ma si pensano alla pari con gli esseri umani.. tutti gli altri sono "solo" animali!!! Per questo
motivo, comunque, non è necessario scegliere un gattino troppo giovane. Perfino un Somalo adulto sarà prontissimo ad affezzionarsi ad una nuova famiglia purchè riceva tutte le attenzioni che ha sempre sognato!
 
Tolettatura e cura del mantello
Fin da piccoli, i Somali dimostrano una forte e sana costituzione: non richiedono cure particolari o attenzioni durante la crescita, e tanto meno dopo. Non è assolutamente necessario lavarli: come quasi tutti i gatti il Somalo è istintivamente molto pulito.
Al massimo un aiuto si potrà dare con regolari spazzolature, poiché hanno un pelo semilungo, due o tre volte la settimana, facendo molta attenzione alla gorgiera e alla coda, specialmente nei periodi di cambi di stagione quando cioè il vecchio pelo cade per far posto al nuovo. Con un pettine più piccolo, delicatamente, si pettinano le zone in cui il pelo è più corto o che sono più delicate come ad esempio quei ciuffetti alle orecchie che gli donano un aspetto ancor più selvaggio.


Si ringrazia la Sig. Marinella,
per aver inviato foto e scheda del gatto somalo,
per maggiori informazioni clicca qui..

Notizia stampata il 19 Nov 2017 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali