www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali

York Chocolate

York Chocolate o York Chocolat


Origine e storia:
Il nome di questa nuova razza, creata negli Stati Uniti, deriva dalla città di New York e dal colore bruno, tipico di questa specie. Nel 1983, nella fattoria di Janet Chiefari, situata nello Stato di New York, nacquero i primi gatti York Chocolat dall’accoppiamento di due gatti di casa. La madre, di nome Blacky, era una gattina nera e bianca a pelo lungo; l’allevatrice la fece accoppiare con un fratellastro a mantello nero e a pelo lungo e nacque Brownie: una femmina dal particolare mantello lungo e castano scuro, detto appunto color cioccolato. Sarebbero Siamesi, del tipo antico, comuni ai due genitori, che avrebbero introdotto il gene cioccolato. Poi, con altri incroci consanguinei, nacquero i capostipiti di questa nuova razza, caratterizzata da soggetti sia monocolori che bicolori, ma tutti color cioccolato. Infatti Janet fece accoppiare la gatta Brownie con un fratellastro: ne nacquero altri due gatti che avevano le medesime caratteristiche della madre. Questi quattro soggetti possono, a tutti gli effetti, essere considerati i capostipiti della razza, poiché da loro discendono tutti gli altri esemplari York Chocolate esistenti, sia monocolori sia bicolori, ma tutti rigorosamente di tinta cioccolato. Da qui anche il lungo lavoro di selezione che è seguito: dalla stesura di uno standard provvisorio, alle estenuanti e difficoltose pratiche per ottenere il riconoscimento da parte delle più importanti associazioni feline internazionali. Il primo riconoscimento è avvenuto nel 1993 da parte del C.C.F. e nel 1995 dalla C.C.A. In Europa il W.C.F. lo ha incluso, a partire dal 1997, nella lista delle razze riconosciute in via provvisoria.

Caratteristiche fisiche e generali:
Gatto di notevole mole (maschi fino a 8 kg, femmine fino a 5 kg), presenta un mantello lungo, lucente e setoso, privo di sottopelo. Il mantello può essere marrone scuro (chocolate), marrone chiaro (lavanda) o bicolore con macchie bianche (cioccolato-bianco e lavanda-bianco). Se di colori solidi, gli esemplari mostrano un mantello di un caldo color cioccolato o di un delicato color lavanda, con una macchia bianca su petto o ventre. Nel caso dei bicolori, cioccolato-bianco o lavanda-bianco, il mantello presenta una combinazione dei due colori, dove il bianco è distribuito su collaretta, petto, pancia, zampe, e spesso anche sul muso, con la presenza di una striscia sul naso. Gli occhi sono a mandorla, di colore oro, verde o nocciola. La testa è media, a forma di cuneo con muso moderatamente arrotondato, come il cranio di profilo; presenta una leggera interruzione del naso e ha il mento leggermente pronunciato. Le orecchie sono grandi, a punta, larghe alla base e inclinate in avanti; presentano ciuffi di pelo nel padiglione e leggera peluria all’esterno. Gli arti posteriori sono leggermente più alti di quelli anteriori; ha piedini grandi e rotondi e le dita presentano ciuffi di peli. La coda può essere media o lunga, ma sempre larga alla base e folta.
Il mantello è di media lunghezza, morbido e lucente, soffice e setoso, senza sottopelo; più corto sul muso, sul ventre e nella parte inferiore delle zampe.

Carattere e comportamento:
Rustico, forte e sano, lo York Chocolat ama molto giocare. E' un gatto brioso, particolarmente vigile e dall’intelligenza vivace. Dal Siamese ha ereditato la passionalità e il morboso attaccamento al padrone, da cui ama essere coccolato e dal quale richiede costantemente attenzione e compagnia; dal gatto comune, invece, la robustezza e lo straordinario equilibrio. E' una razza curiosa, pacifica e socievole; un animale che adora vivere in famiglia, essere accarezzato e coccolato ma che, allo stesso tempo, non rinuncia ai suoi spazi e alla sua indipendenza. E' diffidente con gli estranei. Per questo si addice a tutti coloro che in un gatto amano il meraviglioso connubio tra morbida bellezza e dolcissimo carattere (a condizione, però, che venga amato e rispettato). E' il tipico gatto d’appartamento, che si adatta senza difficoltà a ogni tipo di sistemazione. Se ha la possibilità di uscire, dimostra di essere un abile cacciatore, avendo un istinto pronunciato e uno spiccato senso per la caccia. Non ha problemi con altri gatti e animali domestici. Dato che è privo di sottopelo, sopporta bene il caldo, ma teme le basse temperature.

A cura di Eliana Turrisi


Notizia stampata il 22 Nov 2017 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali