www.animalinelmondo.com
il portale al servizio degli animali

SCOTTISH TERRIER

scottish terrier
Origine e storia
Gli antenati del nostro moderno scottie si sono sviluppati nelle impervie Highlands di Scozia, dove uomini e cani avevano molte difficoltà a sopravvivere a condizioni ambientali limite: il tempo infame, la terra rocciosa, l'oceano gelido e il terribile, continuo, vento. Per questo si preoccuparono poco di standardizzare l'estetica della razza, mentre dedicarono grande attenzione all'abilità del cane a ripulire il territorio da nocivi, infestanti e predatori. Si selezionò quindi su resistenza, capacità di inserirsi in cunicoli impossibili, coraggio, tenacia, ferocia nello sbranare le prede, nonché lealtà e l'amicizia per l'uomo che sono tuttora le caratteristiche salienti dello Scottish Terrier. Nella seconda metà dell'ottocento, con l'inizio delle esposizioni, si iniziò a fissare lo standard della razza sulla base delle caratteristiche del rustico terrier di Aberdeen; in seguito l'estetica si affiancò alla funzionalità, poi la moda, lo snobismo e la devota passione di inglesi e americani (che si sono impegnati negli incroci e selezioni), lo hanno portato alle attuali sembianze.
Il primo Club di razza venne fondato nel 1882 in Inghilterra “Scottish Terrier Club of England”

Standard dello Scottish Terrier
Aspetto generale: massiccio, di taglia adeguata per entrare in tana, arti corti e portamento vivace, dà l'impressione di grande potenza e attività in un piccolo volume. La testa dà l'impressione di essere lunga in rapporto alla taglia. Coda sempre  eretta, scandisce il movimento
Testa e cranio: testa lunga senza essere sproporzionata alla taglia del cane. La lunghezza del cranio ne rende possibile una buona larghezza pur conservando l'aspetto stretto, quasi piatto con gli zigomi non prominenti. Muso forte e profondo nell'insieme. Cranio e muso di uguale lunghezza. Leggero, ma ben definito stop tra cranio e muso all'altezza degli occhi. Tartufo grande. Se vista di profilo, la linea fra il tartufo e il mento appare sfuggente.
Occhi: a mandorla, bruno scuro, piazzati abbastanza distanti ed inseriti profondamente sotto l'arco sopraccigliare con un'espressione acuta ed intelligente.
Orecchie: ben delineate, di spessore sottile, a punta, erette ed inserite sulla sommità del cranio, ma non troppo ravvicinate. Orecchie troppo grandi o larghe all'attaccatura sono difetto.
Bocca: denti grandi con una perfetta e regolare chiusura a forbice, vale a dire che gli incisivi superiori devono essere ben appoggiati a quelli inferiori e perpendicolari alle mascelle.
Collo: muscoloso e di moderata lunghezza, ben inserito a livello delle scapole.
Anteriore: spalle forti e oblique. Lo sterno è ben proiettato in avanti rispetto agli arti anteriori che devono essere diritti, con buona ossatura fino ai metacarpi a loro volta perfettamente diritti, ma con gomiti ben attaccati al torace che si presenta abbastanza largo e profondo.
Tronco: costole ben cerchiate, che delimitano un torace disceso e ben pronunciato. Dorso proporzionalmente corto e molto muscoloso. Linea superiore diritta ed uniforme. I reni muscolosi e profondi collegano con grande potenza le costole al posteriore.
Posteriore: notevolmente possente per la taglia del cane. Glutei grandi e larghi, cosce lunghe e ginocchia ben flesse. Garretto corto, robusto non rivolto in dentro né in fuori.
Piedi: abbastanza grandi, con cuscinetti plantari ben sviluppati, dita ben arcuate e riunite. I piedi anteriori appena più grandi dei posteriori. Assomigliano a quelli degli orsi
Coda: di media lunghezza per dare al cane un aspetto bilanciato. Spessa alla radice si assottiglia verso l'estremità. E' portata eretta o leggermente curva sulla schiena, assomiglia ad una carota..
 
Andatura e movimento: movimento disinvolto e fluente. Gli arti sia anteriori che posteriori sono diritti e ricevono la spinta dal posteriore. Nell'insieme l'andatura è sciolta.
Mantello: pelo fitto, liscio a due strati; sottopelo corto, denso e morbido; il mantello di copertura duro denso e ruvido, entrambi rendono il pelo resistente alle intemperie.
Colore: nero, grano, brindle (brizzolato in tutte le sfumature).
Taglia: altezza al garrese da 25,4 cm. a 27.5 cm. Peso da 8,6 a 10,4 Kg.
Difetti: tutto ciò che si discosta dai punti sopraelencati va considerato un difetto la cui rilevanza è direttamente proporzionata alla sua gravità.
Note: i maschi devono avere due testicoli, apparentemente normali, completamente discesi nello scroto.

Carattere e comportamento
Leale e fedele. Dignitoso, indipendente e riservato, ma coraggioso e molto intelligente.

Temperamento: Lo Scottish è un cane eccentrico che, molto probabilmente, in casa avrà un atteggiamento "paternalistico" attendendo che voi facciate un gran numero di sciocchezze per permettervi di farle tutte. La peculiarità del Terrier Scozzese è gia una caratteristica preziosa in un animale da compagnia, infatti la sua fierezza mitigata dalla sua indulgenza lo rende un meraviglioso compagno, per questo bisognerebbe permettere alla natura del proprio cane di manifestarsi secondo le sue linee, ma ricordando che, sotto l'aspetto del giocattolo vivente, si nasconde un cane con un carattere "tosto" ed è opportuno farsi ubbidire da lui fin da cucciolo mettendo subito "in chiaro" chi è il capo. E' comunque un cane sensibile a cui non piace affatto essere guardato con severità, sembra che la consideri come una vera e propria offesa personale. Le sue orecchie poi sono molto più espressive del volti di tanta gente: piccole ma sveglie, sono sempre all'erta pronte a captare ogni suono e a indicare qual'è il suo umore, a volte, guardandole con attenzione, sembrano assumano il significato di una strizzata d'occhio :-). Si affeziona quasi esclusivamente alle persone di famiglia, tra le quali sceglie quella di sua fiducia,mentre con gli estranei è spesso indifferente. Audace senza mai essere aggressivo con le persone, da non sottovalutare con gli altri animali.

NOTE
Per essere apprezzato totalmente lo Scottish ha bisogno di una particolare toelettatura chiamata stripping. Non perdendo pelo, come molti altri cani, ha bisogno di essere sottoposto a questa manovra, che deve essere fatta da toelettatori esperti anche per la salute della sua pelle. Mentre va spazzolato spesso per rimuovere polvere e sporco dalle frange di zampe, pancia e barba. Mai rasare, se non le parti previste dalla toelettatura standard.

ALIMENTAZIONE
Questa è una nota dolente per lo scottish, che non va tenuto a dieta… ma si deve fare attenzione ad alimentarlo correttamente. Il suo fegato tende a sovraccaricarsi facilmente, quindi una dieta ricca di fibre, amidi e poche proteine, sarà un’alimentazione corretta per lo Scotish. Infatti se lo si vuole sempre in forma da adulto, mai superare la dose giornaliera di 80 gr. di carne al giorno. Preferite il pesce alla carne ed avrete sempre un compagno attivo e dinamico. Si consigliano mangimi poco grassi e poco proteici.

Si ringrazia La Sig.ra Isa Arletti Della Griduzza
per aver inviato la scheda e la fotografia
dello Scottisch Terrier


A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
cani da pastore e bovari
cani gruppo 1
cani pinscher, schnauzer, molossidi e bovari svizzeri
cani gruppo 2
cani terrier
cani gruppo 3
cani bassotti
cani gruppo 4
cani tipo spitz e tipo primitivo
cani gruppo 5
segugi e per pista di sangue
cani gruppo 6
cani da ferma
cani gruppo 7
cani da riporto, da cerca, da acqua
cani gruppo 8
cani da compagnia
cani gruppo 9
cani levrieri
cani gruppo 10
Notizia stampata il 19 Nov 2017 su www.animalinelmondo.com il portale al servizio degli animali